globe

ideali per restaurare
oggetti etnografici e d'arte

Dino-Lite-in-use-during-restoration-at-the-Tropical-MuseumI microscopi digitali Dino-Lite possono essere una soluzione per restaurare oggetti archeologici e d'arte. Questo microscopio portatile è uno strumento utile perché rende i dettagli visibili e presenta flessibilità nell'applicazione. I restauratori del Tropenmuseum l’hanno recentemente sperimentato. Quest'anno il Tropenmuseum di Amsterdam ha restaurato dieci pali bisj. Grazie a Dino-Lites, i visitatori del museo hanno avuto la possibilità di vedere i risultati ottenuti dai restauratori fino alla fibra di legno. Dino-Lite si è dimostrato uno strumento prezioso anche per il restauro fino al millimetro quadrato.

Rispetto per i defunti

Dino-Lite-in-use-during-restoration-at-the-Tropical-MuseumI pali bisj, che presentano un'altezza fino a dieci metri, furono costruiti nel secolo scorso dagli Asmat, un popolo papuano dell'ex Nuova Guinea olandese. Si rende ancora omaggio ai defunti grazie a questi pali in legno di noce moscata riccamente decorati. Il palo bisj assicura che l'anima del defunto possa passare nell'aldilà.

Materiali fragili

Il Tropenmuseum presenta dodici pali di questo tipo del secolo scorso. Dieci sono stati restaurati. L'opera principale è stata la pulizia molto accurata. I restauratori hanno pulito ogni pollice dei pali con un pennello morbido, anche definito spugna asciutta da restauro, che è stata appositamente scelta per la pulizia di questi oggetti. L'obiettivo principale consisteva nel non danneggiare gli strati di vernice originali. I pali sono verniciati con pigmenti naturali, come ocra bruciata e conchiglie frantumate. Questi sono materiali fragili. Per pulire il legno è stato utilizzato un pennello. Pertanto, il legno è stato a malapena toccato durante la rimozione della sporcizia.

Dino-Lite-in-use-during-restoration-at-the-Tropical-Museum

Molto flessibile

Era necessario un lavoro di precisione. L'occhio umano non riesce a distinguere a lungo queste sfumature sottili. Un restauratore ha dichiarato: "Utilizzando il microscopio Dino-Lite, abbiamo notato facilmente la differenza tra sporcizia, sovra-verniciatura e lo strato di vernice originale. Abbiamo utilizzato questo microscopio prima e dopo aver pulito la superficie. Questo era l'unico modo per notare facilmente i cambiamenti. Anche in questo ambito, il Dino-Lite è stato molto flessibile. Anche la funzione time-lapse è stata davvero utile durante il processo di restauro. È stato possibile utilizzarla per documentare come siano stati applicati vari strati allo strato di vernice originale.

Visualizzazione del lavoro su uno schermo

Dino-Lite-in-use-during-restoration-at-the-Tropical-MuseumIl restauro è avvenuto nella Lichthal, la sala centrale del museo. “Pertanto, i visitatori potevano osservare facilmente il nostro lavoro. Era stata aggiunta un’ulteriore dimensione poiché i visitatori potevano vedere sullo schermo ogni dettaglio di ciò che vedevamo" Un visitatore del museo così poteva vedere da vicino un processo di restauro.

Restauri futuri

I restauratori del Tropenmuseum sono venuti a conoscenza per la prima volta delle possibilità offerte dai Dino-Lites. Hanno apprezzato il loro utilizzo, poiché l'ingrandimento dei dettagli e la funzione time-lapse hanno contribuito alla qualità del restauro. Grazie a queste esperienze, il museo ha deciso che i DinoLites potranno essere utilizzati anche per restauri futuri. Il progetto di restauro del Tropenmuseum completato con successo ha dimostrato che il Dino-Lite dovrebbe essere uno strumento importante per i restauratori d'arte e di altri oggetti museali.

 

 

 

"Dino-Lite si è rivelato molto flessibile"

 

 

 

"Era l'unico modo per notare i cambiamenti facilmente"

 

 

 

"I visitatori possono facilmente osservare il nostro lavoro"